GdR | AnnoMille

COME SI GIOCA

Il Gdr on line si compone di due parole: la prima Gdr, che non è altro che l’acronimo di Gioco di Ruolo e on line ovvero il metodo di fruizione di questi ovvero attraverso l’uso di un computer collegato ad internet. In un GdR online ogni giocatore controlla ed interpreta un personaggio (che viene spesso chiamato PG, ovvero Personaggio Giocatore) da lui creato.

Una volta creato il personaggio il compito e il divertimento del giocatore sarà quello di calarsi nel ruolo come farebbe un attore di teatro o un attore nel set cinematografico e muovere il proprio pg all’interno del mondo creato appositamente per il Player, tenendo conto dei vari fattori quali il carattere del personaggio (coraggioso, spavaldo, timido, pauroso), le sue inclinazioni morali (buono, cattivo, etc..), il suo aspetto fisico e tutte quelle informazioni poste a priori dal giocatore per caratterizzarlo al meglio durante le sessioni di gioco. La role vera e propria avviene mediante l’utilizzo delle chat, che rappresentano dei luoghi dell’ambiente ove si muove il proprio personaggio. Potranno rappresentare piazze, boschi, spiagge, stanze di enormi castelli, grotte segrete di potenti maghi e così via.

Una Chat quindi è come un ambiente di dialogo virtuale tra due o piuò persone che muovono dei personaggi inventati. Quello che accade in un gdr by chat, diviene quindi similare alla stesura di un libro, dove noi abbiamo il dominio del nostro personaggio (con le dovute eccezioni) e lo facciamo agire, creando una trama con l’ambiente circostante, scrivendo nel vero senso della parola cosa compie e cosa dice il nostro burattino. Particolare fondamentale, è che il "libro", quasi sempre, non lo scriviamo da soli, ma in compagnia. AnnoMille, è un GdR by chat (o anche PBC, Play by Chat) e si svolge proprio tramite l’ausilio di questa tecnologia.

A differenza di un libro o di un film quindi, in cui è l’autore a predeterminare la trama e la conclusione, in questo caso tutto il percorso viene indicato dalle azioni degli stessi personaggi (guidati dai giocatori) e fino all’ultimo non si sa come potrà finire… Infatti, il bello di un GdR e il "calarsi nella parte" e ciò sta proprio nella non conoscenza di tutti quei fattori aleatori ed improvvisi che portano allo sviluppo delle avventure. Un giocatore potrà conoscere in parte lo scenario ma non saprà i capi saldi dell’avventura in cui lo immedesimerà il Fato e neanche come agiranno i personaggi che interagiranno con lui. A condire il tutto vi è la fantasia di ognuno di noi, grande motore di questo mondo fantastico.